TERZA EDIZIONE 9-10 OTTOBRE 2021
  • Accedi
  • Registrati

LE PRENOTAZIONI PER OHN2021 SONO CHIUSE

PERCORSO BRUTALISMO A NAPOLI: IL II POLICLINICO


EVENTI E PERCORSI
Via Sergio Pansini 5, 80145 Napoli Na
Sabato 9 ottobre 10:00 > 11:00 | 12:00 > 13:00
90 minuti
Green Pass: Si
A cura di 'O Brutalism Naples

Con il termine brutalismo si intende quella esperienza dell'architettura del '900 che ebbe inizio all'incirca negli anni '50, caratterizzata da un uso predominante del cemento a vista (dal francese beton brut, cemento grezzo). In questi edifici tecnica, sperimentazione e forma dialogano sino a spingersi ai massimi livelli espressivi dell'architettura. Anche nella città di Napoli, che ha attraversato secoli di stratificazioni storiche, sono presenti esempi notevoli di architetture "brutaliste" come la celebre Casa del Portuale di Aldo Loris Rossi, le "vele" di Scampia di Franz Di Salvo e tante altre opere che seppur non ascrivibili in toto a questa corrente emanano l'atmosfera visionaria e al contempo severa del cemento grezzo. Il Secondo Policlinico (dal 2003 Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II) è sicuramente tra queste. Esso con i suoi oltre 440.000 mq di superficie costituisce uno dei poli ospedalieri universitari più qualificati e più estesi d’Italia. Sorge nel 1964 con la volontà di realizzare un complesso a metà tra una clinica e un polo didattico-scientifico nella zona collinare della città che portò alla pubblicazione di un bando di concorso redatto dall'Ing. Corrado Beguinot.  Il concorso fu vinto dal progetto di un gruppo di architetti guidati dal napoletano Carlo Cocchia, tra cui figuravano Cesare Blasi, Mario Boudet, Fabrizio Cocchia, Onorina Frazzi, Massimo Nunziata, Gabriele Padovano, Michele Pizzolorusso. I lavori per l’edificazione del complesso iniziarono nello stesso anno e si conclusero nel 1971. Il Secondo Policlinico si presenta secondo un modello a padiglioni multipiano più una serie di edifici amministrativi e destinati ad attività di ricerca, tra cui l'edificio direzionale con l'Aula Magna, l'Istituto di anatomia e istologia patologica e l'imponente e austera Torre Biologica, alta 74 metri e visibile da vari punti della città. Le tecniche edilizie adottate erano all'avanguardia per l’epoca, con un uso predominante del cemento armato faccia a vista. Il percorso di visita si svolgerà all'interno dell'Azienda Ospedaliera Universitaria percorrendo i viali alberati del campus e visitando alcuni degli edifici più significativi di questo complesso, che rappresenta un capitolo importante e spesso dimenticato della storia urbanistica della città, emblema di un modo di concepire l'architettura e l'opera pubblica ormai superato, ma che presenta il fascino decadente delle utopie mai realizzate.

Punto d'incontro presso l'ingresso principale dell'Ospedale Universitario Federico II, in prossimità della stazione Metro Policlinico.

Numero di persone per visita: 25
Accessibilità disabili: sì
Bambini: no
Animali: no


 

FOTOGALLERY


Contatti

Per proporre un sito
o un evento

Per proporti
come volontario

Per diventare
un nostro partner

Per informazioni
stampa

Per informazioni
di carattere generale

OPEN HOUSE NAPOLI

Un evento di
Associazione Culturale Openness
Via Vicinale Croce di Piperno, 6
80126 Napoli

SEGUICI


© 2020 | Open House Napoli | Tutti i diritti sono riservati
Privacy Policy | Cookie Policy